La riuscita di una strategia di marketing digitale dipende da diversi fattori. Fino a qualche tempo fa si riusciva a gestire le azioni tecniche su situazioni consolidate che obbedivano a determinate regole stabilite e che funzionavano in modo univoco, dalla cui corretta combinazione e applicazione a ciascun caso sono derivate le diverse strategie da seguire.

Tuttavia, il panorama a cui ci troviamo di fronte oggi disegna dei continui mutamenti dove influiscono un’infinità di fattori che sono determinati, fondamentalmente, dalle abitudini e dalle tendenze di utenti e consumatori che, insomma, sono sempre stati e saranno l’oggetto fondamentale di qualsiasi strategia di marketing digitale.

Per questo è fondamentale un costante aggiornamento dei professionisti responsabili della progettazione e realizzazione delle nostre strategie di marketing, poiché una buona strategia non è quella che segue le linee già tracciate da altri, ma quella che indagano, anticipano e sanno prevedere ciò che altri stanno facendo.

In questo modo si assiste alla coesistenza di alcuni modus operandi tecnici che, con l’introduzione di nuove azioni strategiche, stravolgono le azioni che fino ad oggi si consideravano valide.

Differenze tra SEM e SEO

Quando si cerca di dare una risposta su cosa sia la SEO, si è soliti affermare che essa si riferisce a tutti quegli aspetti che influiscono sul posizionamento naturale o organico nei motori di ricerca, e soprattutto sul posizionamento in Google. In pratica, riguarda tutte quelle tecniche e strategie che tendono a far apparire un sito web nelle migliori posizioni in una ricerca correlata effettuata dal pubblico di destinazione.

La SEM è qualsiasi azione volta ad aumentare il traffico verso il sito web con l’obiettivo di catturare e indirizzare lead qualificati e tradurli in vendite, conservarli e trasformarli in clienti del nostro prodotto o servizio.

Sotto questa definizione possiamo chiaramente vedere che la SEO potrebbe essere intesa come una parte di SEM, ma una parte così importante che potremmo definirla come il cuore o l’anima di essa. Dunque, una SEO scadente con una pagina poco ottimizzata, priva di contenuti di interesse e con tempi di caricamento lenti, farà perdere alle azioni SEM molta efficacia. Mentre una buona strategia SEM rafforzerà il posizionamento SEO della nostra pagina se ben gestita.

Dove stanno avvenendo i cambiamenti e perché

I cambiamenti davvero significativi sono in atto ormai da alcuni anni. Sono cambiamenti che interessano la SEO e tutto il sistema di posizionamento organico, e derivano dall’evoluzione delle tecnologie. Se solo pochi anni fa il PC era il re indiscusso dell’accesso a internet, in poco tempo smartphone e dispositivi mobili lo hanno completamente soppiantato, provocando nuovi utilizzi che si sono subito riflessi nella necessità di adeguare i formati web a quelli nuovi.

Sono device responsive che hanno finalmente portato al cambiamento degli algoritmi di ricerca verso un sistema più naturale e più vicino basato sulla contestualizzazione e sul posizionamento semantico e imposto dalle ricerche vocali. Tuttavia, l’evoluzione continua e la nuova generazione punta verso l’era dei wearable in cui gli schermi sono ridotti al minimo e i contenuti audiovisivi diventeranno ogni giorno più importanti.

Se partiamo, come abbiamo detto, dal presupposto che la SEO è il cuore della SEM, non c’è dubbio che i cambiamenti in essa comporteranno cambiamenti necessari nella nostra strategia di marketing e nell’insieme delle azioni da svolgere e che definiranno le nostre strategie di posizionamento.

Cosa dovrebbe contemplare la nostra strategia di marketing digitale

È chiaro che la nostra strategia di marketing deve partire da una buona attività SEO. Senza una base funzionale e ottimizzata, in continua evoluzione e pronta ad assorbire le nuove tendenze e soddisfare le esigenze e gli interessi dell’utente che intendiamo guidarci, è ovvio che non otterremo nulla.

Certamente, la SEM può portare un notevole afflusso di traffico al nostro sito fornendoci la possibilità di un gran numero di potenziali clienti. Tuttavia, se ciò che l’utente trova al suo arrivo è deludente o non soddisfa le sue preoccupazioni, sarà stato uno sforzo sprecato. Dunque, se vuoi ottenere dei buoni risultati, ti consigliamo di rivolgerti a un professionista del settore e consulente di web marketing come potrebbe essere WebJump Solutions.

Dieci punti principali che una strategia di marketing digitale dovrebbe considerare

Ecco tutti gli aspetti che devi considerare:

  • Devi stabilire una strategia ben congeniata non solo per cercare conversioni che si traducano in vendite, ma anche per far aderire i clienti alla tua community e renderli fautori del tuo brand.
  • Cerca di ottimizzare il sito web con particolare attenzione al design e ai tempi di caricamento, formati responsive e usabilità.
  • Gestisci i tuoi contenuti come elemento differenziante.
  • Realizza contenuti di interesse in modo costante. Devono essere utili per il tuo target di riferimento, finalizzati a un posizionamento semantico basato su nuovi algoritmi di ricerca e allo sviluppo di formati e contenuti che si desidera condividere.
  • Implementa e sviluppa contenuti audiovisivi.
  • Integra e potenzia le tue azioni sui social network per fidelizzazione il cliente.
  • Stabilisci un’efficace strategia di link building.
  • Realizza campagne PPC.
  • Analizza e monitora i risultati.
  • Considera globalmente le tue azioni di marketing digitale attraverso una corretta strategia in cui ogni azione interagisce con le altre, alimentando un circuito che si arricchisce dell’obiettivo comune e della somma di tutte le singole azioni.