scarpe hogan scontate

Secondo il rapporto sul mercato delle calzature: Nel 2016, il mondo ha prodotto complessivamente più di 210 milioni di paia di scarpe, il che significa che tutti nel mondo hanno tre paia di scarpe. Secondo la ricerca di mercato di IndexBox, guidata dalla crescita mondiale della popolazione, il mercato globale delle calzature nel suo complesso si prevede nei prossimi nove anni continuerà a mostrare una tendenza al rialzo.scarpe hogan scontate, Il modo rapido per il mercato è l’obiettivo del marchio delle calzature adesso per soddisfare la crescente domanda dei consumatori. Il processo di produzione delle calzature è integrato e completamente automatizzato in linea con questa necessità? La produzione di calzature di moda dipende in larga misura dal mestiere, i prezzi dei pattini fatti a mano sono molto più alti. Tuttavia, al fine di ridurre la lunghezza delle calzature, alcuni processi di produzione sono ora assistiti da macchinari specializzati, la produzione di massa di produzione di calzature tecniche ha iniziato ad apparire una linea di produzione altamente automatizzata. Ma la maggior parte della produzione di calzature è ancora fatta a mano. Ma le cose stanno cambiando. Secondo le cifre dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) rilasciate nel luglio dello scorso anno, il numero di operai asiatici ha stimato che 133 milioni di persone perderebbero i loro robot globali nei prossimi due decenni. A gennaio l’Ufficio del Censimento italiano ha previsto che entro il 2020 il robot sostituirà circa 5 milioni di lavoratori in Italia. Un marchio come hogan ha costruito una fabbrica completamente automatizzata a Ansbach, a sud della Germania. Secondo Fortune, Nike ha investito in un avvio tecnologico chiamato Grabit, che utilizza la tecnologia di adesione elettrica e È stato elaborato per le sue fabbriche 20 volte superiore rispetto ai lavoratori umani, entro la fine di quest’anno, Nike sarà in Cina e in Messico, circa una dozzina di questi robot messi in funzione.
Entro il 2020, hogan dovrebbe utilizzare il processo di produzione automatizzato per produrre la metà delle vendite del prodotto, che permetterà anche al magazzino di ruotare più rapidamente l’inventario per soddisfare la domanda. La società ha aperto una “Speedfactory” in Germania nel dicembre 2015, usando “tecnologia robotica intelligente” per creare scarpe. In aprile, l’azienda ha annunciato che fornirà 5.000 Futurecraft 4D scarpe in autunno / inverno 2017, con la stampa 3D alla fine. Morgan Stanley ha detto che quasi il 20 per cento delle scarpe Nike e hogan sarebbe stato spostato in piante più automatiche entro il 2023 a causa dello spostamento verso lo shopping di e-commerce. “Ciò significa che i fornitori esistenti che utilizzano la produzione tradizionale possono aver compiuto il 90% dell’intero settore in cinque anni”, ha affermato gli analisti di Morgan Stanley in un rapporto di ricerca aziendale. Tuttavia, dopo cinque anni, La tendenza competitiva proseguirà. Ciò significa che la maggior parte dei lavoratori in outsourcing in paesi asiatici perderà il loro posto di lavoro. Le marche occidentali hanno finora richiesto di essere esternalizzate in tutta l’Asia, prima in Cina, profondamente in Vietnam, in Cambogia e in Bangladesh. Tuttavia, con lo sviluppo dell’automazione, le aziende di calzature sportive possono considerare di spostare la loro produzione in Italia perché non hanno bisogno di manodopera. In futuro, il processo di produzione di scarpe può essere ridotto da pochi mesi a pochi giorni e diventare più automatizzato. Citato il rapporto International Association Robot, Morgan Stanley ha detto che nei prossimi tre anni ci saranno 13 milioni di nuovi robot installati in fabbrica. il CEO di hogan Casper Rostst ha detto nel Financial Times che su una scala industriale, i robot devono ancora imparare circa 120 passi per fare le scarpe da ginnastica Adidas. “La sfida più grande per l’industria calzaturiera è come creare un robot che mette il pizzo nelle scarpe, che è un processo manuale completo, senza la tecnologia, ma con l’aumento del consumo, Le marche non sportive possono considerare l’automazione del modo in cui la fabbrica soddisfa le esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *